IL PROGETTO

imagoRevolution 

Si propone di neutralizzare quel pathos impulsivo e collettivo inevitabilmente suscitato in ciascuno di noi da tutte quelle immagini crude rese pubbliche da molteplici canali mediatici: tv, social network, internet e riviste, online e cartacee. Tutti sappiamo che l’impatto di un’immagine vale più di 1000 parole ed è in questo sovradosaggio emotivo che riconosciamo di essere bombardati e assuefatti da raffigurazioni raramente edificanti e gioiose. Un horror vacui di figure violente che suscitano a livello globale immaginazioni negative, permettendo il divulgarsi, con la semplicità di un clic, di un cocktail virale a base di paura, risentimento, frustrazione, impotenza, senso di colpa e rassegnazione. STOP. RESET.

Continua a leggere

Ultime opere

Ramallah: quando dalle bombe nasce la vita

Una storia di resistenza pacifica in Palestina, nel villaggio di Bil’in, vicino Ramallah. In un luogo consacrato alla guerra, una donna ha creato un giardino in cui pianta fiori nei[…]

Read more

Gianni Barelli, PINK

L’artista Gianni Barelli partecipa al progetto imagoRevolution con l’opera intitolata PINK. Di seguito il racconto di come è nata questa idea. “Now is the time è un ciclo di incontri sul[…]

Read more

Seguici su facebook!