Berlino: Ibo Omari, trasforma le svastiche in disegni per bambini

“Là dove c’era una svastica ora c’è un coniglietto, un cubo Rubik o una zanzara. E la firma è diventata contagiosa: “paint back”, qualcosa come “restituisci il colpo con un disegno”. Ormai è un piccolo movimento. Cominciato con una reazione snervata all’ennesima bandiera del Reich scarabocchiata sul muro di un parco per bambini. Ibo Omari ha preso le sue bombolette spray e l’ha coperta con un disegno gentile.

Gabriel Embeha, Beyond Masks in the Sun

Gabriel Embeha creates, for imagoRevolution, the artwork Beyond Masks in the Sun (Absorbing an Idaho Militia), 2018. This is how the artist explains his work: “images of members of radical right militias holding guns have become widespread. My work as a whole shows the problems with confronting such images, especially in political discourse. Instead of

Reisa Boksi, Baptism II

Reisa Boksi creates the digital photography Baptism II, 2017, for the Imagorevolution project. “Based on all the immigrants pictures – she explains – that we see everyday on our televisions and medias, the photography represents a purified version of a situation we see everyday. The man on the rocks washes and purify himself from his travel

Luciano Caggianello, insta_RAM

Luciano Caggianello partecipa a imagoRevolution con l’opera insta_RAM, un’opera digitale realizzata nel 2017. “Un social rappresenta – spiega l’artista –  l’immagine di un debito verso una visione prospettica e la guida di un tempo narrativo. Probabilmente s’identifica anche come un parametro di presunta etica moderna, che propone il resoconto di una soggettività seppur partecipata. Infatti, l’esplicativo

Gianni Barelli, PINK

L’artista Gianni Barelli partecipa al progetto imagoRevolution con l’opera intitolata PINK. Di seguito il racconto di come è nata questa idea. “Now is the time è un ciclo di incontri sul tema delle pratiche artistiche in relazione alla geopolitica e al cambiamento che l’arte può aver sul sociale, a cui ho assistito nel 2003 in Olanda.