Un mare urbano: nuovo wall dello street artist Iena Cruz a Milano

Anthropoceano di Iena Cruz è un grande murale nella zona Lambrate di Milano che racconta il nostro impatto sugli ecosistemi marini. Realizzato con l’innovativa pittura Airlite, è in grado di ridurre l’inquinamento atmosferico.

La street art sta dando nuova vita e immagine ai quartieri delle città e proprio per questo ci interessa particolarmente segnalare, qua e là, qualche significativa opera su imagoRevolution. Non solo inietta colore laddove altrimenti ci sarebbe solo un muro di cemento ma, in questo caso, grazie a un’innovativa vernice può addirittura ridurre l’inquinamento trasformandolo in sostanze innocue.
Anthropoceano è il secondo grande murale dell’artista Federico Massa, in arte Iena Cruz – dopo Hunting Pollution, completato a Roma ad agosto 2018 – in cui la componente ambientale non è volta solo a smuovere le nostre coscienze ma è in grado, concretamente, di ridurre la presenza di biossido di azoto nell’aria quasi del 90 per cento grazie all’utilizzo della pittura Airlite (trovate un’altra operazione simile qui).

Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution

“Il nome di questo murale è Anthropoceano, parola inventata da me, ma derivante da una parola reale: Antropoceneracconta l’artista – è una parola molto importante che caratterizza tutti noi perché è l’era geologica in cui purtroppo stiamo vivendo”.

L’immagine sulla facciata del palazzo racconta il nostro impatto sul mare: una piattaforma petrolifera si trova all’interno di un contenitore di plastica (per ricordarci le origini di questo materiale) che a sua volta intrappola l’ecosistema marino rappresentato da alcune delle sue creature più affascinanti.

Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution

Anthropoceano è stato realizzato anche grazie al sostegno di Ocean family foundation e il muro per l’opera è stato scelto attraverso la campagna #candidailtuomuro. Inoltre, con il progetto Worldrise walls l’associazione mira a “fare murales gemelli per rendere i cittadini partecipi e attori di un cambiamento”, spiega Bianco.

Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution
Dettaglio. Foto Alessia Ballabio per imagoRevolution

Iena Cruz
Anthropoceano
via Giovanni Viotti 13, Milano
www.ienacruz.com
Lascia un commento