Mya Lurgo, ImagoRevolution® – 2 febbraio 2018

Mya Lurgo, ImagoRevolution® – 2 febbraio 2018

“Il mondo che vediamo e che ci sembra così pazzo è il risultato di un sistema di idee che non funziona. Se vogliamo percepire il mondo diversamente dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare, lasciar andare il passato, espandere il nostro senso del presente e dissolvere la paura nella mente. Questa diversa percezione ci porta a riconoscere che non siamo separati ma siamo sempre stati uniti.” (Gerald Jampolsky)

Notizia:

“Choc a Venezia dove un senzatetto è stato brutalmente picchiato e gettato nella laguna, l’uomo si trova ricoverato presso l’ospedale e le sue condizioni sono gravi. Il senzatetto è stato ripescato in stato di ipotermia e con sintomi di annegamento nel canale adiacente l’Arsenale. L’allarme è scattato verso mezzanotte e mezza, fra mercoledì e giovedì, quando un passante ha notato un corpo galleggiare e ha chiamato il 113. Ancora pochi minuti e molto probabilmente per l’uomo, uno straniero fra i quaranta e i cinquant’anni, non ci sarebbe stato più nulla da fare: non aveva alcuna reazione, come se non fosse in grado né di chiedere aiuto né tanto meno di annaspare per non andare a fondo, trascinato anche dal peso dei vestiti.
Sul posto si sono precipitati gli agenti delle Volanti lagunari che hanno quindi richiesto l’intervento dei vigili del fuoco e del Suem. Il clochard è stato tratto a riva non senza difficoltà e stabilizzato sul posto per poi essere trasportato d’urgenza in idroambulanza al San Giovanni e Paolo: le sue condizioni rimangono gravi. Preso a pugni. In faccia. I segni sul volto del poveretto non lascerebbero dubbi. E poi c’è un’altra chiamata alla sala operativa della questura. Poco prima dei soccorsi. A parlare sarebbe un signore piuttosto agitato di fronte alla scena che si sta svolgendo davanti ai suoi occhi: un ragazzo, o per lo meno un giovane, che si sta accanendo con violenza contro un senzatetto.” Continua a leggere

imagoRevolution:

Mya Lurgo, ImagoRevolution: Agguato a Venezia, 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *